Quintodecimo Quintodecimo Quintodecimo Quintodecimo Quintodecimo Quintodecimo Quintodecimo Quintodecimo

Storia > Le Cinque Lune




Il numero cinque si ripete spesso nel magico mondo del vino. Il fiore della vite ha 5 sepali, 5 petali, 5 stami, 5 nettari. La foglia è pentalobata, cioè costituita da cinque parti ed ha cinque nervature principali. Sono 5 gli elementi fondamentali che interagiscono con la vite: suolo, clima, viticoltura, enologia, uomo. Ancora sono 5 i punti critici della produzione dell’uva (potatura, allegagione, sfogliatura, maturazione, raccolta) ed altrettanti quelli della trasformazione dell’uva in vino (raccolta, ammostatura, fermentazione, elevage, invecchiamento). Sono 5 i sensi che l’uomo utilizza per percepire il vino: vista, tatto, udito, olfatto gusto. Ancora 5 è il numero che è in Quintodecimo. Questa continua ripetizione del numero cinque ci ha condotto alle cinque lune utilizzate per realizzare il logo di Quintodecimo.